/ Eventi

Eventi | 21 settembre 2021, 11:02

Bra, grande successo per la 13ª edizione di Cheese, un viaggio nel mondo dell'arte casearia

Migliaia di presenze accolte in sicurezza ad incoronare l’evento che si è chiuso lunedì 20 settembre

Bra, grande successo per la 13ª edizione di Cheese, un viaggio nel mondo dell'arte casearia

Cheese saluta e dà appuntamento al 2023.

La 13ª edizione della grande manifestazione dedicata ai formaggi, targata Slow Food e Città di Bra, con il sostegno della Regione Piemonte, ha calato il sipario lunedì 20 settembre. Un vero e proprio villaggio globale en plein air di prodotti, culture e mestieri che ha permesso ai visitatori di fare esperienze non solo di gusto.

Grande partecipazione già a partire dal giorno dell’inaugurazione, venerdì 17 settembre, con il taglio del nastro a cura di Fabiana Dadone, ministro delle politiche giovanili, alla presenza degli assessori regionali Luigi Genesio Icardi e Marco Protopapa, del sindaco di Bra, Gianni Fogliato ed i vertici di Slow Food guidati da Carlo Petrini. Tanti ospiti nella platea formata in piazza Caduti per la Libertà, tra senatori, onorevoli e sindaci del territorio, esponenti delle Forze dell’ordine e delegazioni di associazioni di categorie interessate dall’importante evento.

È stato il primo Cheese al tempo della transizione ecologica, come ha detto Carlo Petrini, presidente di Slow Food: “La transizione ecologica rappresenta una nuova fase storica - ha aggiunto Petrini -. Così come tre secoli fa iniziava la rivoluzione industriale, oggi siamo all’alba di una nuova era nella quale abbiamo capito che le risorse non sono infinite, perciò occorre imboccare un’altra strada. In questa fase storica, Cheese rappresenta un messaggio: quello secondo cui occorrono nuove forme di produzione e consumo, perché quelle adottate finora ci hanno portato al disastro ambientale. E noi diciamo che il benessere animale è uno degli elementi della transizione ecologica che non possiamo più rimandare”.

Tutti hanno espresso parole di elogio per un evento di grande richiamo internazionale, a sottolineare l’importanza di un appuntamento di successo, connotato da una produzione casearia ‘buona, pulita e giusta”.

Credenziali decisive per una kermesse che negli anni ha saputo entusiasmare istituzioni, privati, addetti ai lavori e pubblico, con operatori da tutto il pianeta che si danno regolare appuntamento a Bra ogni due anni.

È stato anche il primo Cheese al tempo del Covid, affrontato in sicurezza. In questo senso, il sindaco di Bra Gianni Fogliato ha voluto ringraziare tutti i soggetti che hanno creduto nella possibilità che Cheese si svolgesse nelle condizioni più normali possibili: “Con determinazione e un grandissimo lavoro di squadra, da subito ci siamo trovati uniti nella volontà di far sì che Cheese potesse essere anche quest’anno occasione di relazione, conoscenza e crescita, da vivere guardandoci negli occhi, nelle vie e nelle piazze della nostra Bra. Da sempre Cheese è vetrina d’eccezione, con uno spazio unico di confronto, discussione e approfondimento. Cheese è scambio, occasione concreta di sviluppo, volano per il turismo e l’economia del territorio. È accoglienza, valore, cambiamento, futuro. Cheese è Bra. E Bra è Cheese”.

Missione compiuta. Per quattro giorni, le vie e le piazze del centro di Bra hanno raccontato le storie di pastori, casari, formaggiai e affinatori, attraverso i loro prodotti, metodi produttivi che hanno messo al centro la qualità delle materie prime, il benessere animale, la tutela del paesaggio.

È stata una scommessa coraggiosa. Ma è stata una scommessa vinta. E forse, non è un caso il fatto che questo evento, tornato ad essere vissuto in presenza, sia stato organizzato per tornare a raccontare dell’artigianalità alimentare, il settore che più di tutti ha sofferto momenti duri nell’emergenza sanitaria.

E anche con il green pass e la mascherina, la kermesse non si è smentita. Ottima affluenza e tanta voglia di voltare pagina. Forte di un’internazionalità crescente che punta a far rete tra produttori e consumatori, Cheese 2021 è stato un viaggio straordinario nel mondo dell’arte casearia, in tutte le sue forme, attraverso un percorso studiato che ha sedotto tutti i sensi e ha fatto scoprire tanti tipi di formaggi e affinità naturali per la prima volta insieme.

Il fascino di una città votata all’accoglienza ha aggiunto sapore alle degustazioni, interesse alle informazioni storiche ed emozione alle esposizioni, in quattro giorni tutti da ricordare.

Silvia Gullino

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium