/ Attualità

Attualità | 05 dicembre 2022, 13:14

Zonta Cuneo: tanti messaggi per dire No alla violenza sulle donne

Interesse e partecipazione delle scuole per il docufilm al “Libere… di vivere” contro la violenza economica. Lo slogan “Giù le mani dalle donne” nelle partite di Volley e Rugby, rose gialle alla rotonda di corso Francia, la panchina rossa con canti femminili

Cuneo, cinema Monviso, la proiezione per le Superiori del docu film Libere...di vivere

Cuneo, cinema Monviso, la proiezione per le Superiori del docu film Libere...di vivere

 

Ha colpito cuore e mente  “Libere di… vivere” il docufilm prodotto da Global Thinking Foundation proiettato mercoledì 30 novembre: in mattinata per le Superiori della città con allievi dell’Istituto agrario “Virginio Donadio”,  di A.F.P,  Itc Bonelli, istituto superiore Grandis e alle 18 per la cittadinanza, al Cinema Monviso.

Oltre 300 studenti in sala per la pellicola che parla di donne vittime della violenza economica, tema non sempre individuato tra le violenze di genere che si moltiplica, in tante tragiche conseguenze, fino al femminicidio. 

Della finalità: informare e sensibilizzare soprattutto le giovani generazioni, in funzione di un cambio culturale di visione, ha parlato Elisabetta Priano della Global Thinking Foundation, nel tour di tappe italiane arrivato a Cuneo, in un progetto affiancato da Zonta club Cuneo e Telefono Donna in collaborazione con la rete antiviolenza e la rassegna “8 marzo è tutto l’anno” .

“Anche una sola donna coinvolta e aiutata, che possa a sua condividere l’esperienza per aiutare gli altri ripaga l’impegno di un tour”

Il film, selezionato a numerosi festival cinematografici nasce da un’idea di Claudia Segre, (Presidente di Global Thinking Foundation), firmato dal regista Antonio Silvestre vuole sensibilizzare e prevenire questa forma di violenza di genere  e progettare cambiamenti verso una piena inclusione sociale.

"Cammino che passa attraverso la destrutturazione di modelli sbagliati, l'  educazione finanziaria e la conoscenza del mondo che sta dietro - sottolinea la presidente di Zonta Cuneo, Bianca Marchet Fenoglio - e favorisce una maggiore consapevolezza del fenomeno, perché nel futuro delle giovani generazioni non ci siano più queste violenze".

Il 25 novembre  le socie del club Zonta Cuneo hanno posato, accanto alla lapide della rotonda di corso Francia, un mazzo di rose gialle. I fiori “come una preghiera” vogliono ricordare donne che non ci sono più, vittime della violenza di genere e l’iniziativa si ripete ogni anno dall’inaugurazione della rotatoria, adottata dal sodalizio, nel 2016.

Un altro appuntamento fisso per il  "No alla violenza", ha visto il club al  Palazzetto dello Sport, nella partita Bam San Bernardo Cuneo contro Tinet Prata di Pordenone, e le pettorine gialle con la scritta “Giù le mani dalle donne” sono state in campo anche nella partita del Cuneo Pedona Rugby contro Moncalieri Rugby. 

Canti femminili a cura del trio dell'Accademia del Piemonte ,hanno accompagnato le riflessioni delle socie del club cuneese, mercoledì 25 novembre, davanti alla panchina rossa nei giardini Fresia, adottata dallo Zonta club Cuneo e il circolo culturale maschile “L’ Caprissi”.

Il club inoltre sarà inoltre parte del  gruppo di associazioni cuneesi, capofila il Rotary club Cuneo nel  progetto  "Natale di solidarietà 2022" rivolto alle famiglie disagiate della città e frazioni per donare loro un pasto caldo il 24 dicembre preparato da alcuni ristoranti locali.  

 

 

.

c.s.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium