/ Attualità

Attualità | 23 novembre 2021, 16:04

Lo scrittore afghano Enaiatollah Akbari a Mondovì: "Se chiude la scuola si chiudono bocche e idee" [VIDEO]

Questa mattina, martedì 23 novembre, l'incontro con gli studenti del liceo "Vasco-Beccaria-Govone" al cinema Bertola per condividere la sua storia

Enaiatollah Akbari a Mondovì Ph_Arianna Pronestì

Enaiatollah Akbari a Mondovì Ph_Arianna Pronestì

"Una società istruita non è più un popolo ubbidiente. Studiare è la chiave per la libertà. Se chiude la scuola si chiudono le bocche e le idee". 

Così Enaiatollah Akbari, protagonista del romanzo "Nel mare ci sono i coccodrilli" di Fabio Geda ha commentato la situazione che l'Afghanistan si trova ad affrontare oggi, sotto al pungo dei talebani. 

Difficile definire in una sola parola lui e la sua storia. Fuggito dall'Afghanistan quando aveva solo 10 anni, Akbari è diventato un superstite, un testimone, un simbolo di speranza, soprattutto alla luce della situazione che l'Afghanistan si trova a vivere oggi. 

Lo scrittore, autore del nuovo libro con Geda "Storia di un figlio. Andata e ritorno" (disponibile autografato presso libreria Confabula, ndr), è giunto in Italia dopo un tragitto lungo, fatto di pericoli e di morte, attraverso Pakistan, Iran, Turchia, Grecia e attualmente vive a Torino.

Questa mattina, martedì 23 novembre, ha incontrato gli studenti del liceo "Vasco-Beccaria-Govone" al cinema Bertola per condividere la sua storia.

A condurre il dialogo con gli studenti, Fabio Dutto, bibliotecario della civica "Ezio Alberione" di Chiusa Pesio, sempre attento ai temi di attualità e alla promozione degli incontri scuola-scrittori.

Tante le domande che gli studenti hanno posto ad Akbari, da quelle più personali a quelle politiche.

Sulla situazione attuale del suo paese di origine spiega: 

"Studiare è sempre stato il mio sogno. Ancora di più quando ho dovuto lasciarla. Già vent'anni anni fa i talebani chiudevano le scuole, soprattutto quelle femminili. Tornare sui banchi di scuola a fare una vita da bambino, con l'unico dovere di studiare, è un desiderio che mi è sempre rimasto".

Enaiat, giunto in Italia, nel 2016, si è laureato in Scienze internazionali sviluppo e cooperazione all’Università di Torino con una tesi sul sistema dell’istruzione in Afghanistan.

"I talebani sanno benissimo che un popolo istruito non ha paura. Purtroppo oggi l'Afghanistan è tornato indietro a vent'anni fa. Il mio appello ai giovani è studiate: potersi istruire è un privilegio, non dimenticatelo. Alla vostra età io ero obbligato a lavorare in fabbrica, ricordate che avere scuola e insegnanti è una fortuna".

Sempre accompagnato da Dutto, l'autore ha poi incontrato anche gli studenti delle scuole di Chiusa di Pesio. 

Arianna Pronestì

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium